Storia contemporanea dell'Europa Orientale
e Centro-orientale
 
Sito curato da MICHELE RALLO
 

CRONOLOGIA


 
Agosto 1939: il Patto Ribbentrop-Molotov in una caricatura della stampa nazionalista polacca

 
 

IL 1939
(gennaio-agosto)


GENNAIO
- L’Ungheria aderisce al Patto Antikomintern e rompe le relazioni diplomatiche con l’URSS.

FEBBRAIO
- A Belgrado, il Reggente costringe alle dimissioni il Primo Ministro filoitaliano Milan Stojadinovic e lo sostituisce con Dragiša Cvetkovic.
- In Albania, i rapporti di Zog I con gli italiani sono vicini alla rottura.
- Il conte Pál Teleki è il nuovo Primo Ministro ungherese.

MARZO
- In Romania muore il Primo Ministro e Patriarca ortodosso Miron Christea. Armand Calinescu è il nuovo capo del governo.
- Secessione dalla Cecoslovacchia: nascono la Repubblica Slovacca e l’Ukraina Carpatica.
- Creazione del Protettorato di Boemia e Moravia.
- L’Ukraina Carpatica è annessa all’Ungheria.
- Annessione alla Germania del territorio di Memel (attribuito alla Lituania dal trattato di Versailles).
- Accordo commerciale tedesco-rumeno.
- La Polonia respinge le proposte tedesche per Danzica e il Corridoio.
- Fine della Guerra di Spagna.
- Garanzie anglo-francesi per le frontiere occidentali della Polonia.

APRILE
- L’Italia invade ed annette l’Albania.
- Reazione anglo-francese all’azione italiana: garanzie alle frontiere di Grecia e Romania.
- La Guardia di Hlinka è riconosciuta come il partito-unico della Repubblica Slovacca.
- Trattato difensivo tedesco-slovacco.
- Creazione del Partito Fascista Albanese.
- La Germania reclama Danzica e denunzia il patto di non-aggressione con la Polonia.

MAGGIO
- Nuovo ministro degli esteri in URSS: Vjaceslav Molotov sostituisce Maxim Litinov.
- Contatti segreti tedesco-sovietici per un patto di non-aggressione.
- Trattato d’alleanza politica e militare (c/d Patto d’Acciaio) fra Germania e Italia.
- Elezioni politiche in Ungheria: clamoroso successo del Partito della Croce Frecciata (nazionalsocialista-ungarista) che diviene la seconda forza politica del Paese.

GIUGNO
- Patti di non-aggressione della Germania con Estonia e Lettonia.


LUGLIO
- Si acuisce la crisi fra Germania e Polonia per Danzica e il Corridoio.


AGOSTO
- Incidente di Danzica.
- Visita di Ciano in Germania (c/d Convegno di Salisburgo): emergono dissensi sulla conduzione della vicenda di Danzica.
- Rimpasto nel governo jugoslavo: il leader del Partito Contadino croato Vladko Macek è nominato Vicepresidente del Consiglio.
- Trattato di non-aggressione (c/d Patto Ribbentrop-Molotov) fra Germania e Unione Sovietica. Un protocollo segreto prevede la spartizione della Polonia e fissa le rispettive sfere d’influenza nell’Est europeo: Finlandia, Estonia e Lettonia all’URSS; Lituania, Romania (meno la Bessarabia) e tutto il resto alla Germania.
- Il trattato tedesco-sovietico è accolto negativamente – oltre che dagli anglo-francesi – da Italia e Giappone (principali alleati del Reich) e da numerose cancellerie esteuropee. Soddisfazione in Bulgaria e cauto atteggiamento della Jugoslavia.
- Patto di alleanza fra Inghilterra e Polonia, assistito da un patto di mutua assistenza anglo-francese.
- Sondaggi tedeschi in vista di una partecipazione italiana all’imminente attacco alla Polonia: Roma assume un atteggiamento dilatorio.
- In Jugoslavia, accordo fra il Principe-Reggente e il vicepremier Macek (c/d sporazum) su un futuro assetto federale del Regno: la Croazia viene ampliata (con l’inclusione della Dalmazia) e dotata di una maggiore autonomia.
- Ultimi tentativi italiani per scongiurare l’attacco tedesco alla Polonia: Mussolini si offre di convocare una Conferenza per la revisione dei trattati.


 

 

 
 
 

 

Storia contemporanea dell'Europa Orientale :: 2007

Risoluzione consigliata 1024x768
All rights reserved