Storia contemporanea dell'Europa Orientale
e Centro-orientale
 
Sito curato da MICHELE RALLO
 

CRONOLOGIA


 
Guerra greco-turca (1897): la Brigata dei Garibaldini italiani in Tessaglia

 
 
LA GRECIA, DAL RISORGIMENTO
ALLA PRIMA GUERRA MONDIALE
(1814-1918)

1814
- Fondazione della Filikì Eterìa (Lega degli Amici).

1819
- Rivolta di Alì pashà Tepeleni in Epiro.

1820
- Il principe Alèxandros Ypsilantis assume la guida della Filikì Eterìa.

1821
- Invasione della Moldavia da parte di una armata eterìsta al comando del principe Ypsilantis.
- Iniziano le sollevazioni antiturche nel Peloponneso.
- Ucciso a Costantinopoli il Patriarca ecumenico della Chiesa Ortodossa, Gregorio V.
- Fallisce il tentativo di saldare l'invasione eterista della Moldavia alla rivolta di Tudor Vladimirescu in Valacchia. Ypsilantis è battuto e costretto alla fuga.
- La Grecia meridionale è in buona parte in mano agli insorti, che insediano governi provvisori in Peloponneso, Etolia e Livadia.
- Creata ad Epidauro (Peloponneso) una prima Assemblea rappresentativa delle popolazioni della Grecia liberata.

1822
- Promulgazione della c.d. Costituzione di Epidauro e proclamazione dell'indipendenza della Grecia.
- I turchi battono la rivolta dell'Epiro. Uccisione di Alì pashà Tepeleni.

1823
- Fine della Assemblea di Epidauro. Creazione di due governi provvisori a Nauplia (di obbedienza peloponnesiaca) e a Missolungi (di obbedienza fanariota).

1824
- Esplode la guerra civile tra le due fazioni greche.

1827
- Pausa nella guerra civile: le fazioni greche danno vita ad una Assemblea Costituente.
- Promulgata la c.d. Costituzione di Trezene, che istituisce la figura forte di un Governatore. A tale carica viene chiamato il conte Ioànnis Capodistrias.
- L'Inghilterra promuove una conferenza diplomatica anglo-franco-russa sulla questione ellenica (c.d. Conferenza di Londra).
- Battaglia navale di Navarrino: distrutta la flotta turca.

1828
- Il conte Capodistrias assume la carica di Governatore ed instaura un regime dittatoriale.
- Seconda Guerra russo-turca.

1829
- La c.d. Costituzione di Argos istituzionalizza il regime di Capodistrias.
- Il Trattato di Adrianopoli pone termine al conflitto russo-turco: l'Impero Ottomano cede alla Russia il Caucaso e la Bessarabia, e concede l'autonomia ai costituendi Principati di Grecia, Moldavia e Valacchia.

1830
- Il Protocollo di Londra stabilisce l'autonomia anche per un Principato di Serbia, e trasforma il previsto Principato della Grecia meridionale in un Regno indipendente sotto la protezione di Russia, Inghilterra e Francia.

1831
- Uccisione di Capodistrias.

1832
- Le tre Potenze protettrici designano il principe bavarese Frederick Otto zu Wittelsbach come Re di Grecia.

1833
- Il principe Otto assume la corona greca, con il nome di Othon I.

1844
- Othon I concede la Costituzione.
- Le prime elezioni della storia greca sono vinte da Ioànnis Kolettis, capo del "partito francese", creatore del nazionalismo greco e del nuovo panellenismo (c.d. Megàli Idèa).

1847
- Morte di Ioànnis Kolèttis.

1853
- Terza Guerra russo-turca o Guerra di Crimea.

1854
- Occupazione anglo-francese di Atene per impedire l'ingresso in guerra della Grecia al fianco della Russia.

1855
- La caduta di Sebastopoli segna la sconfitta della Russia e la fine della Guerra di Crimea.

1856
- Il Congresso di Parigi fissa le condizioni di pace: le Potenze europee accordano protezione all'Impero Ottomano e ridimensionano le ambizioni russe sulla regione degli Stretti.

1862
- Colpo-di-Stato filoinglese e deposizione di Othon I.

1863
- Il principe Christian Wilhelm Ferdinand Adolphus Georg della casa Glücksburg di Schleswig-Holstein è il nuovo sovrano greco: assume il nome di Gheòrghios I.

1864
- Annessione alla Grecia delle Isole Ionie.
- Nuova Costituzione.

1866
- Terza insurrezione di Creta e richiesta di annessione alla Grecia.

1869
- La Conferenza di Parigi conferma la sovranità ottomana su Creta.

1875
- Rivolte antiottomane in Erzegovina e in Bosnia.
- Il 5° Governo Kumundùros inaugura un settennato di matrice politica panellenista.

1876
- Rivolta antiottomana in Bulgaria.
- Breve guerra di Serbia e Montenegro contro l'Impero Ottomano.

1877
- Quarta Guerra russo-turca.
- Indipendenza del Principato di Romania.
- Liberazione della Bulgaria

1878
- Breve partecipazione della Grecia alla Guerra russo-turca.
- Il Trattato di Santo Stefano pone termine alla Guerra russo-turca. Riconosciuta l'indipendenza di Romania, Serbia e Montenegro e la quasi-indipendenza della Bulgaria.
- Il Congresso di Berlino revisiona il Trattato di Santo Stefano e stabilisce un assetto meno favorevole alla Russia. Confermata l'indipendenza di Romania, Serbia e Montenegro, ma la Bulgaria viene rimpicciolita e la sua autonomia limitata.

1881
- Conferenza di Costantinopoli: l'Impero Ottomano cede la Tessaglia alla Grecia.

1882
- Kumundùros lascia la guida del governo. Sale al potere il leader liberale Trikùpis, che inaugura un periodo (discontinuo) caratterizzato da valide riforme strutturali e da una disastrosa gestione dell'economia nazionale.

1885
- Annessione della Rumelia Orientale alla Bulgaria.

1892
- Prima crisi macedone.

1895
- Travolto dalla crisi economica, Trikùpis lascia la guida del governo greco. Gli succede il leader nazionalista Dilighiànnis, che per nove anni si alternerà al potere con il nuovo leader liberale Theotòkis.
- Costituita la Lega Nazionale (Ethnikì Eterìa).

1896
- Fine della prima crisi macedone.

1897
- Sesta rivolta di Creta: Elefthèrios Venizèlos guida l'insurrezione generale dell'isola.
- Intervento della Grecia a Creta. La Turchia invade la Tessaglia e costringe Atene alla resa.

1902
- Seconda crisi macedone.

1903
- Gli ottomani battono l'insurrezione macedone.
- Accordo di Mürzsteg fra Russia ed Austria per la ripartizione delle sfere d'influenza nei Balcani.

1904
- Guerra russo-giapponese.

1905
- Settima rivolta di Creta.
- Venizèlos ripara in Grecia, ove inizia la strutturazione di un movimento politico nazionalista, riformista e repubblicaneggiante.
- Termina la Guerra russo-giapponese: sconfitta di Sanpietroburgo.

1908
- "Rivoluzione dei Giovani Turchi" nell'Impero Ottomano.
- Ferdinando I di Sassonia-Coburgo proclama l’indipendenza del Regno di Bulgaria.
- L'Austria si annette la Bosnia e l'Erzegovina.
- Ottava rivolta di Creta.

1909
- Battuto un tentativo controrivoluzionario, i Giovani Turchi inaugurano una durissima politica di assimilazione delle popolazioni balcaniche.
- I movimenti militaristi greci si unificano in un'unica Lega Militare (Stratiotikòs Sìndesmos).
- Dimissioni di Theotòkis e avvento di governi non ostili alla Lega Militare.

1910
- La Lega Militare fa appello a Venizèlos per la formazione di un governo riformista.
- Autoscioglimento della Lega Militare.
- Elezioni per l'Assemblea Costituente: vittoria dello schieramento venizèlista.
- Governo di Elefhtèrios Venizèlos.

1911
- Nuova Costituzione ed avvio delle riforme venizèliste.
- Guerra italo-turca.
- Rivolte e sollevazioni nei domini balcanici dell'Impero Ottomano, in particolare in Albania, in Macedonia ed a Samo.

1912
- Distensione anglo-franco-russa e rafforzamento del fronte antiturco.
- Trattati di alleanza fra Serbia, Bulgaria, Grecia e Montenegro: nasce la Lega Balcanica.
- Sollevazione generale in Albania.
- Fine della Guerra italo-turca: l'Impero Ottomano cede all'Italia la regione libica (Tripolitania e Cirenaica) e l'arcipelago egeo del Dodecanneso.
- Inizia la Prima guerra balcanica tra Impero Ottomano e Lega Balcanica.
- Proclamazione dell'indipendenza nazionale dell'Albania.
- Primo armistizio tra Impero Ottomano e Lega Balcanica.
- Si insedia a Londra il Gran Consiglio degli Ambasciatori della Conferenza Permanente delle Grandi Potenze Europee (c.d. Consiglio degli Ambasciatori) incaricato di regolare le questioni connesse al conflitto balcanico.

1913
- Colpo-di-Stato bellicista in Turchia e denunzia dell'armistizio.
- Ripresa delle ostilità.
- Secondo armistizio.
- Fine della Prima Guerra Balcanica: l’Impero Ottomano perde tutti i domini europei ad eccezione della Tracia Orientale.
- Dissidi fra Bulgaria, Serbia e Grecia per la spartizione della Macedonia.
- La Bulgaria attacca Serbia e Grecia: inizia la Seconda Guerra Balcanica.
- Anche la Romania e la Turchia scendono in guerra contro la Bulgaria.
- Fine della Seconda Guerra Balcanica: sconfitta della Bulgaria.
- I trattati successivi alle guerre balcaniche stabiliscono, tra l'altro, notevoli accrescimenti territoriali per la Grecia, che acquisisce la Macedonia Egea, l'Epiro centrale e meridionale, Creta e la gran parte delle isole dell'Egeo.

1914
- Governo separatista costituito dagli irredentisti greci nell'Epiro settentrionale.
- Inizia la Prima Guerra Mondiale: Austria-Ungheria e Germania contro Serbia, Montenegro, Russia, Inghilterra, Francia e Giappone.
- La Grecia invade l'Epiro settentrionale.
- La Turchia entra in guerra al fianco degli Imperi Centrali.
- L'Italia occupa Valona e fronteggia i greci.

1915
- Campagna venizèlista per l'entrata in guerra della Grecia.
- Dimissioni di Venizèlos. Governo di Dimìtrios Gùnaris.
- L'Italia entra in guerra al fianco della Triplice Intesa.
- Dimissioni di Gùnaris. Secondo Governo Venizèlos.
- La Bulgaria entra in guerra al fianco degli Imperi Centrali.
- Sbarco dell'Intesa a Salonicco, incoraggiato da Venizèlos.
- Licenziato Venizèlos. Terzo Governo Zaìmis.
- Dimissioni di Zaìmis. Governo di Stefanos Skuludis.
- Rotta dell'esercito serbo verso le coste montenegrine e albanesi.
- Elezioni politiche: vittoria dello schieramento neutralista "costantinista".

1916
- Reazione greca all'attivismo dell'Intesa in Epiro e Macedonia.
- Spedizione navale anglo-francese al Pireo. Blocco commerciale delle coste greche e diktat dell'Intesa al governo ellenico.
- Dimissioni di Skuludis. Quarto Governo Zaìmis.
- La Romania entra in guerra al fianco dell'Intesa.
- Costituzione a Salonicco di un Comitato Greco di Difesa Nazionale con funzioni di governo provvisorio filointesista.
- Sbarco anglo-francese al Pireo e nuovo diktat al governo di Atene, che accetta di dimettersi, smobilitare l'esercito e consegnare la flotta.
- Governo di Nikòlaos Kalojeropulos e poi di Spyridonos Lambròs.
- Venizèlos sbarca a Salonicco e assume la guida di un governo contrapposto a quello di Atene: inizia lo "scisma nazionale".
- Primi scontri tra i reparti dei due governi ellenici.
- L'Epiro del Nord è restituito alla sovranità albanese.
- Il governo di Salonicco dichiara guerra a Germania e Bulgaria.
- Tentativo anglo-francese di occupare Atene: resistenza militare e reazione popolare dei greci.

1917
- L'Intesa impone al Regno di Grecia l'accettazione di un regime di sovranità limitata: l'autorità del governo ateniese è circoscritta al solo Peloponneso; l'Epiro e la Tessaglia sono "neutralizzati" e progressivamente occupati dalle forze dell'Intesa.
- Dimissioni di Lambròs. 5° Governo Zaìmis.
- Gli Stati Uniti d'America dichiarano guerra alla Germania.
- L'Italia proclama l'indipendenza dell'Albania e occupa l'Epiro.
- Re Costantino costretto ad abbandonare il trono. Alessandro I è il sovrano dimezzato di una Grecia ormai dominata dall'Intesa.
- 3° Governo Venizèlos.
- La Grecia dichiara guerra agli Imperi Centrali.
- Epurazione delle forze armate e dell'amministrazione statale. Sciolto il parlamento a maggioranza costantinista e restaurato il precedente parlamento a maggioranza venizèlista.
- Armistizi di Romania e Russia con gli Imperi Centrali.

1918
- Primi segni di debolezza da parte bulgara.
- Sei divisioni greche sul fronte di Salonicco, e due sul fronte della guerra civile russa.
- Offensiva dell'Intesa in Macedonia e disfatta delle forze bulgare.
- Fine della Prima guerra mondiale.

 

 

 
 
 

 

 

Storia contemporanea dell'Europa Orientale :: 2007

Risoluzione consigliata 1024x768
All rights reserved